logo

Collocazione: BB.245 (Altro esemplare dell'Alto 1607 in BB.246)
Unità: 5

Riproduzioni
 Digitale:  Museo internazionale e biblioteca della musica 
     Microfilm n.: 0163 , 0780

 Rossi Salomone
 Il Primo Libro de Madrigali a cinque voci, di Salamon Rossi Hebreo con alcuni di detti Madrigali per cantar nel chitarrone, con la sua intauolatura posta nel Soprano. Nouamente composti, & dati in luce. - In Venetia, Appresso Ricciardo Amadino, 1600. - in 4°. Canto della prima edizione del 1600; Tenore, Alto, Basso e Quinto della ristampa del medesimo Amadino in Venezia del 1607. In tutto opuscoli cinque. (A tergo del frontespizio v'ha la seguente dedicatoria):

Al Serenissimo Signor et Patron mio Colendissimo il Signor Don Vincenzo Gonzaga Duca di Mantoua, et di Monferrato etc.
Ha già gran tempo ch' io sono in obligo di appresen tare all'A. V. le primitie delle mie fattiche, si per esser lei mio Signor naturale, al quale io son tenuto di quel molto ò puoco ch'io sò et posso, come anco perche sotto la felice ombra della sua servitù ho imparato il tutto, e quando pure ogn' altra cosa mancasse, basti che questo non solo è mia ellezzione volontaria, ma debito contratto ch'io pago all'A. V. la quale non hà sdegnato sin qui di ascoltare, per non dir fauorire, le tante mie imperfettioni, dandomi adito di così abusare della grazia sua, che con tanta benignità, senza punto scemarsi è solita compartire frà suoi deuoti; Ed ecco che come tale io ne la supplico, azziò co' l suo felice nome possa sicuro dalle mani de detrattori dar spirito e vita à questi miei Madrigali, i quali senza un tanto appoggio, ouero traboccarebbono tosto nell'oblio, ò fra le mani di questi tali, come da cani arrabbiati sariano lacerati e guasti. Con tale scorta adunque humilmente la supplico à non isdegnare che anch' io humilissimo suo seruidore possa in grazia sua, e sotto il nome di lei dar saggio al mondo dell'affetto con ch' io uiuo di non mostrarmi indegno seruidore di tanta altezza, alla quale facendo riuerenza humilmente le mi offero, & raccomando in grazia.
Di Venezia li 16. di Settembre 1600.
Di V. A. Serenissima Humilissimo Servitore SALAMON ROSSI, hebreo.
Che Salomone Rossi fosse mantovano lo apprendiamo da un suo Balletto che servì di chiusa alla rappresentazione della Maddalena di Gio. Battista Andreini, e che trovasi nell'opera seguente «Musiche de alcuni eccellentissimi Musici composte per la Maddalena Sacra Rappresentazione di Gio: Battista Andreini Fiorentino. Venetia, Magni 1617. - in fol.». Quivi a pag. 8 si legge: Di Salamon. Bossi Hebreo Mantouano Bolletto, và cantato et sonato con 3 Viole da Braccio.

Nomi: Rossi, Salomone.   
Editori: Amadino, Ricciardo.   
 
Catalogo della Biblioteca del Liceo Musicale di Bologna: III, p. 163  RISM A/I : R-2748 + R-2750          
Antiche collocazioni: C3[0$]? (inventario Barbieri, primo quarto sec. XIX).    2323 (catalogo Sarti, circa 1840)  
ID: 7862      Segnalazioni (errori nella scheda, suggerimenti bibliografici ecc.)


LEGENDA  
[] Integrazioni a cura del Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna   * Dopo il numero di repertorio indica una discrepanza tra la consistenza indicata e quella effettiva
{} Integrazioni tratte dalle schede manoscritte di G. Gaspari   _ carattere utilizzato per trascrivere i segni di abbreviazione

Teoria musicale Musica vocale sacra Musica vocale profana Musica strumentale Libretti

© 2015 Museo internazionale e biblioteca della musica di Bologna